La Separazione da “Primo Giorno di Scuola”

La Separazione da "Primo Giorno di Scuola"

Sono poche la mamme che godono di bambini pronti ad entrare a scuola o all’asilo, specie i primi giorni, senza fiumi di lacrime e grida esagerate ma ogni bambino ha la sua modalità per affrontare le situazioni proprio come gli adulti.

Ecco come affrontare al meglio il fatidico “primo giorno di scuola” ed il senso di separazione ed abbondono che esso provoca.

Come far andare in crisi i genitori

Per te è semplice dire al bambino “amore ora giochi con gli altri bimbi”, ma ottieni un buon risultato? Se stai leggendo questo articolo significa che il tuo tentativo non è stato convincente!

Niente da fare, che siano i primi giorni o che sia il secondo anno di Scuola dell’Infanzia o Primaria la sua reazione non cambia! Piange, urla, si aggrappa a te neanche stesse accadendo chissà cosa e nonostante tu voglia portare pazienza finisci naturalmente per andare in crisi!!

Certo la maestra ti dice di andartene tanto ci pensa lei e cerca di tranquillizzarti sottolineando che si calmerà in compagnia di altri bambini ma il tuo cuore si stringe e la tua mente fabbrica un solo pensiero: “ma perché deve fare così! Eppure va a giocare!”.

Ancora più in crisi è il bambino

Se tu non sei soddisfatta di come lasci tuo figlio all’entrata della scuola pensa un po’ come si sente lui! Per i bambini i cambiamenti sono sempre un passo verso l’ignoto e questo fa paura.

Loro non possiedono la stessa consapevolezza degli adulti e anche se ottengono spiegazioni dolci e sincere da parte dei genitori non hanno la stessa percezione. in più va considerata l’emozione che ha il ruolo principale in tutto questo: la SEPARAZIONE.

Questa emozione accompagna tutti noi già dalla nascita da quando in pratica abbiamo lasciato il grembo di mamma …. quel posticino tanto sicuro e a noi tanto familiare che ci teneva coccolati e vicini alla persona che per noi dovrebbe nella vita essere il punto di riferimento più importante.

Cosa nasce dalla Separazione?

Il senso di Separazione purtroppo crea un effetto “domino” fa scattare in pratica tutte una serie di emozioni negative che alimentano paure e insicurezze. Vivere il sentimento di Separazione produce il senso di Abbandono, la convinzione di non sentirsi amato, di non sentirsi importante e di conseguenza tutto questo diventa inaccettabile e porta a sentirsi melanconico.

Alla luce di questo verità onestamente pensi davvero che il tuo bambino faccia solo il moccioso? Per di più i bambini per quanto possiamo ritenerli “svegli” e padroni del linguaggio, non hanno la stessa capacità di un adulto nell’esprimere le emozioni che sentono!

Come risolvere il problema

Far cessare tutto questo senza utilizzare toni severi o rimproveri è possibile. Dal punto di vista del Metodo Fly questa reazione negativa può essere trasformata con dolcezza e delicatezza in emozioni positive che produrranno un atteggiamento basato sulla disponibilità e su una motivazione positiva che creeranno armonia e apertura verso il nuovo ambiente e verso nuove relazioni.

L’obiettivo del metodo è cancellare la programmazione negativa del corpo rispetto la situazione da vivere e predisporre il nostro piccolo amico a vivere con spirito di avventura e serenità interiore questa sua esperienza di vita.

Il metodo più dolce che ci sia

Il Metodo Fly è una disciplina olistica dolce e gentile adatta anche ai più piccoli. Con pochi incontri si ottiene la risoluzione di uno o più disagi contemporaneamente.

I bambini non solo sono molto predisposti e disponibili ma rimangono sempre affascinati quando spiego loro e dimostro come i muscoletti del loro corpo rispondono alle domande che pongo e come riesco a tradurre verbalmente le emozioni e gli stati d’animo che identifico tramite il test muscolare.

Le Riprogrammazioni Emozionali sono vissute dai bambini come un gioco e come tale riescono a coinvolgerli ed interessarli al punto tale da riuscire ad ottenere ottimi risultati già dal primo incontro.

exL.4/2013

La Separazione da “Primo Giorno di Scuola” ultima modifica: 2016-09-06T13:44:25+00:00 da Pamela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *