Ops! Ho Fatto “Scena Muta” e se Accadrà di Nuovo?

disegno bocca

Ti è mai capitato di esserti preparato per un’interrogazione ma di non sentirti pronto? Bè può succede, ma se poi arrivi difronte al professore e fai scena muta? Come è possibile? Eppure hai studiato molto! Il blocco dello studente è una cosa molto comune, ti senti osservato e le emozioni prendono il sopravvento.

Lo Stress sotto interrogazione

Se ti sei trovato davanti ad un’interrogazione alla quale hai reagito inaspettatamente con una Scena Muta, hai sicuramente molta paura che ciò possa ripetersi.

In quell’occasione avrai sicuramente vissuto agitazione e vergogna, le mani ti sono sudate e avrai avuto l’impressione che il tuo silenzio durasse un’eternità e la “tortura” non finisse mai. In quelle situazioni, non dovresti farti prendere dal panico, non agitarti e magari riuscire a concentrarti, ma come ti puoi calmare e gestire tutte queste emozioni quando sei vittima di un grande Stress come quello?

Ricordare che hai studiato e focalizzarti sulla fiducia in te stesso, proprio non è possibile.

Il metodo che ti aiuta

Calma, concentrazione e riacquistare sicurezza in se stessi sono altri obiettivi raggiunti dal metodo Fly negli studenti che hanno già vissuto l’esperienza della “Scena Muta” davanti al professore. Le persone reagiscono agli eventi del presente in base ai condizionamenti del passato che ne limitano la libertà di scelta.

La paura di riprovare le stesse emozioni di un’esperienza negativa vissuta fa sì che il corpo reagisca esattamente come nel passato negandosi un nuovo atteggiamento positivo. In altre parole un blocco emozionale crea conflitto tra il proprio sentimento, la propria ragione e il proprio istinto.

Il metodo permette di riacquistare il proprio potenziale interiore e attingere ai propri talenti sbloccando l’energia e l’intelligenza originaria che permette di trasformare le emozioni percepite durante situazioni stressanti in nuove frequenze positive.

Il potere della visualizzazioneIMG_20160124_105554

La sera prima dell’esame, del compito, dell’interrogazione, ti consiglio di eseguire un semplice esercizio che ti aiuterà a sciogliere la tensione e mandar via la paura è ovvio che tu però abbia studiato!!

Metti una mano sulla fronte e l’altra mano sull’occipite come vedi nella figura, chiudi gli occhi e immagina più volte la scena della tua prestazione.

Devi cercare di visualizzare quanti più particolari puoi, inizia col vedere la tua entrata in aula, com’è fatta la stanza, di che colore sono le pareti, se ci sono dipinti e finestre … quante persone ci sono, visualizzale tutte, scendi nei particolari … il professore che ti interroga, ha i baffi? La barba? Se porta gli occhiali, di che colore sono? Ascolta le domande che ti fa, visualizza come riesci a rispondere con preparazione e serenità, raffigura come il professore annuisce e tu sorridi sentendoti a tuo agio.

Questo semplice esercizio ti aiuta abbastanza, ma per la risoluzione definitiva del problema è ovviamente necessario un breve ciclo di Riprogrammazioni Emozionali.

Perché questo esercizio ti aiuta?

Ti consiglio di ripetere l’esercizio descritto sopra almeno 3-4 volte, mettendoti seduto in una posizione comoda e respirando profondamente.

Quando ci teniamo una mano sulla fronte e l’altra sull’occipite, la circolazione sanguigna nel cervello si attiva e questo processo aiuta a pensare liberamente e soprattutto a vedere le nuove possibilità, inoltre, il cervello umano non distingue la realtà dall’immaginazione ed è per questo che se immaginiamo di fare una qualunque cosa, il nostro cervello crede di farla davvero.

Se ci focalizziamo continuamente su ciò che desideriamo, superamento degli ostacoli incluso, riusciremo ad ottenerlo; l’unica accortezza da usare, è non nutrire dubbi o paure altrimenti il cervello si convincerà che sono quelli il nostro obiettivo.

exL.4/2013

Ops! Ho Fatto “Scena Muta” e se Accadrà di Nuovo? ultima modifica: 2016-01-23T09:33:49+00:00 da Pamela

2 Responses to Ops! Ho Fatto “Scena Muta” e se Accadrà di Nuovo?

  1. Gemma ha detto:

    Conosco bene il problema, ecco perché consiglio a tutti gli studenti che ne soffrono di non mollare, perché guarire o almeno migliorarsi è assolutamente possibile!!!!

    • Pamela ha detto:

      Ciao Gemma,
      hai assolutamente ragione! E’ un vero peccato vedere cosi tanti ragazzi abbandonare gli studi per un problema che può essere facilmente superato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *